Skip to content

Ministry of Silly Farts

“Spesso i saggi affermano che bisogna accettare la malattia e la morte col sorriso sulle labbra… beh, se credete a questa cretinata costui è l’uomo giusto: probabilmente non guarirà mai nessuno però vi farà ridere molto tra un decesso e l’altro”

Il Duca d’Auge

naso

Questo è, indubbiamente, un naso. Non vi fate spaventare dalla dimensione. Non è cattivo, ve lo giuro. Non l’ho sempre avuto così: prima, quando il resto era piccolo, era proporzionato al corpo. E’ un conformista, quel naso. Poi un mix fra ormoni della crescita (tardivi, peraltro. Il quarto di codice genetico terrone, probabilmente) e un brutto incidente comprendente un violino, una bici, una multipla, diversi metri di asfalto e il sottoscritto fecero la loro parte. Sì, perché quel naso, per l’appunto, è il mio.


corpo

Ecco, esatto. Quello è un costume da lottatore di sumo. Gonfiabile. Praticamente c’è un generatore a batterie che ti attacchi sui pantaloni (di inverno) o sui peli pubici (di estate), lo colleghi ad una ventola dietro al costume e questa lo fa gonfiare. Ora, giustamente ci si potrebbe chiedere perché ho perso così tanto tempo nella descrizione di un costoso (sì, perché al tempo venne sui 75 euro. E lo comprai pure due volte. Ma questa è un’altra storia) quanto inutile costume da sumo gonfiabile. La realtà è che tutto questo è molto più descrittivo della mia persona di quanto si possa immaginare. Un individuo, però, è definito solo attraverso le persone che lo circondano. Senza, è come un albero che cade in una foresta disabitata. Magari fa rumore, ma non gliene fotte niente a nessuno.

sara

Lei è Sara. E’ una femmina, ma non diteglielo che poi si offende e si taglia. Nel particolare, fa parte di un microverso di cui sono stato abitante e costruttore attivo, ormai da più di tre anni. E’ stata un po’ fortuna e un po’ volontà. Di stringere i denti e prendere parecchi schiaffi in faccia in attesa di tempi e persone migliori. E’ grazie a queste persone che sono cresciuto in quello che sono. Un coglione, dunque, ma è proprio per questo che sono fiero di me stesso. La Confraternita dell’Uva. Inutile spenderci altre parole, ne parlerò in un’altra pagina, quando sarà il momento.

Annunci
One Comment leave one →
  1. Sara permalink
    marzo 25, 2009 6:27 pm

    Voglio bene al tuo naso, io. E’ perfetto. Anzi, è perfettamente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: