Skip to content

Serial Experiments Lain

marzo 30, 2009

La premessa è insieme suggestiva e particolarmente semplice: cosa potrebbe succedere se internet fosse ovunque e ci potessimo connettere senza interfacce o addirittura senza accorgercene? La risposta è Serial Experiments Lain. Non è esattamente recentissimo, ma ci ho posato gli occhi sopra solo qualche mese fa, e sono rimasto letteralmente folgorato dalla bellezza di questo anime. Breve, girato ottimamente, tematiche complesse e ben affrontate (fondamentale, se si considerano le altre opere nipponiche degne di attenzione, Neo Genesis Evangelion in primis: bellissime ma spesso intelligibili o assurdamente pretenziose nelle conclusioni). Un capolavoro. La natura dell’opera rende difficile la formulazione di una sinossi, ma ci proverò lo stesso. Dopo la morte di una sua compagna di classe, una ragazzina riceve una mail dalla defunta, e acquista progressivo interesse nell’informatica e nella tecnologia dei network. Punto. Da qua (la prima puntata, più o meno), si snodano altri 12 episodi che dipingono con estrema efficacia un insieme di avvenimenti reali, allucinazioni, pensieri e riflessioni filosofiche. In realtà, questa rappresentazione delirante della realtà è perfettamente contestualizzata alla trama. Nel tempo in cui si svolge la storia (una voce, all’inizio di ogni puntata, ci ricorda beffardamente che si tratta di “present day, present time”), il Wired (ne’ più ne’ meno che il nostro internet) si è espanso in capacità e velocità. In più, l’avanzamento tecnologico ha reso possibile connettersi alla rete immergendovisi completamente (una realtà virtuale privati dei clichè iperbolici tipici della fantascienza). Per un espediente narrativo che verrà spiegato in modo abbastanza blando nelle ultime puntate, però, è stato improvvisamente reso possibile (e senza che nessuno al mondo ne sia venuto a conoscenza) connettersi al Wired senza rendercene conto. Gli esseri umani, quindi, si trovano a tratti collegati gli uni agli altri, in una strana forma di realtà alternativa virtuale. Sì, assomiglia a Matrix, e infatti SEL è stata una delle opere che lo ha ispirato. A differenza di quest’ultimo, però, la realtà virtuale del Wired si fonde con il mondo reale, per una semplice conclusione filosofica, che parte da Schopenhauer per arrivare al rasoio di Occam. Se tutti gli esseri intelligenti di una realtà oggettivamente falsa pensano che sia vera, allora questa realtà diventa vera automaticamente. E’ una semplificazione, si chiama realtà consensuale.

Ovviamente Serial Experiments Lain non è da prendere alla lettera. C’è anche qualcuno che lo ha visto come una critica alla tecnologia informatica, e ha mancato completamente il punto. L’opera parte da una cosa realmente esistente (internet), e porta le sue implicazioni ontologiche alle loro estreme conseguenze. Cosa è internet, cosa rappresenta davvero per l’uomo? Nel mezzo, riesce a piazzare punti di vista molto interessanti sulle cose più svariate, dal significato di realtà al bisogno umano del Divino. Una volta finita (ma chi ha visto o letto Watchmen lo dovrebbe pur sapere: niente ha mai fine), lascia ad ognuno trarre le proprie conclusioni. Se riuscite a recuperarla guardatela. A parte essere assurdamente bella ed interessante anche di per se, è particolarmente legata al progetto di social networking che stiamo tentando di perseguire. A tal proposito mi farebbe piacere sapere cosa ne pensa il professor Formiconi, se l’ha vista. In caso contrario consiglio a lui più che ad ogni altro la visione.

P.S: ne caso siate pigri/svogliati/incapaci/sfortunati e non riusciste a procurarvela, chiedete al sottoscritto e vi sarà dato, in qualche modo.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: